Skip to main content

Gli organelli citoplasmatici

Ribosomi

Sono formati da due subunità, una piccola e una più grande, composte da proteine e rRNA; si trovano nel citoplasma con la funzione di operare la traduzione dell’mRNA durante il processo della sintesi proteica. Sono infatti indispensabili per la sintesi proteica in quanto rappresentano la sede dove gli mRNA, i tRNA e gli amminoacidi si mettono in rapporto per dare origine alle proteine.

⚠️: i ribosomi sono presenti sia nei procarioti che negli eucarioti e non sono rivestiti da membrana!

Apparato di Golgi

E’ formato da una serie di cisterne, appiattite e impilate, e da vescicole;  la sua funzione principale è quella di rielaborare e smistare i materiali provenienti dal reticolo endoplasmatico. E’ suddiviso funzionalmente in tre compartimenti, chiamati cis, mediale e trans.Le sue dimensioni sono in relazione sia al tipo di cellula sia all’attività che la stessa cellula deve svolgere; per esempio è molto sviluppato nelle cellule secernenti. RICORDA: la forma, la struttura e la funzione del Golgi sono sotto il diretto controllo del nucleo.

Lisosomi

Sono delle vescicole prodotte dall’apparato di Golgi e rivestite da una singola membrana; contengono enzimi idrolitici e sono in grado di idrolizzare e rompere i legami di rifiuti cellulari, di grosse biomolecole e di organuli interi. Tutti gli enzimi al suo interno possono digerire le principali classi di molecole biologiche.

A seconda della natura e delle dimensioni delle sostanze inglobate, il processo viene chiamato pinocitosi (quando si tratta di goccioline) o fagocitosi (quando si tratta di particelle più o meno grandi).

Centrioli

Hanno forma cilindrica, contribuiscono alla formazione del fuso mitotico e sono dotati di una struttura particolare: nove triplette di microtubuli disposte circolarmente (come a formare un tubo).

La funzione principale dei centrioli è quella di aggregare gli altri elementi del citoscheletro, per sua natura instabile, grazie alla loro struttura stabile.

⚠️: la struttura dei centrioli ricorda quella dei corpi basali delle ciglia o dei flagelli cellulari ma manca la coppia di microtubuli centrale!

Quanti centrioli ci sono in una cellula? Si presentano in coppie. Visto che si generano per duplicazione a partire da altri centrioli, di solito possiamo identificare un centriolo madre (formato nel ciclo cellulare precedente) e un centriolo figlio.

CURIOSITA’: a partire dalla profase i centrioli sono visibili al microscopio.

Leave a Reply